Siete qui: Home Abelia: descrizione e cure per mantenerla in giardino

Abelia: descrizione e cure per mantenerla in giardino

 abelia grandiflora

Le Abelia sono graziosi cespugli da fogliame semi-persistente verde con sfumature rossastre, adatti a posizioni di sole/mezz’ombra, hanno il grandissimo pregio di fiorire nella seconda parte dell’estate cioè da fine luglio fino anche alla metà di ottobre, cioè in un periodo in cui in giardino sono ben poche le piante fiorite (stagionali a parte).

Le specie di maggiori dimensioni cioè le Abelia floribunda e grandiflora raggiungono dimensioni ragguardevoli divenendo alte anche 180/200 cm, comunque sia che le Abelie vengano utilizzate come siepe  che come singoli cespugli ornamentali, è necessario prevedere almeno un intervento di potatura all’anno ed un’ eventuale “spuntata” dei rami più lunghi durante la stagione.

Il modo naturale di crescere dell’Abelia porta i rami giovani ad incurvarsi graziosamente verso l’esterno una volta raggiunto un certo sviluppo, questo tipo di accrescimento può avere il suo fascino se le Abelia sono utilizzate come cespugli ornamentali, ma non va molto d’accordo con l’andamento di una siepe formale, in quest’ultimo caso oltre ad una potatura autunnale abbastanza severa (anche per evitare danni da neve) sarà opportuno durante la buona stagione intervenire ogni tanto a regolare i rami che “scappano” dal profilo della siepe. Non si tratta di una vera e propria potatura ma di una “regolata”, se facessimo in giugno una vera potatura potrebbe risentirne la quantità di fiori che vedremmo successivamente, invece tagliando solo i rami sporgenti la bellezza della fioritura delle Abelia non verrà compromessa ma la siepe sarà molto più ordinata.

Se allevate in forma libera, invece,  la potatura delle Abelia potrà limitarsi ad un contenimento autunnale della chioma, purtroppo la sua forma naturalmente espansa a volte viene schiacciata da nevicate pesanti piuttosto frequenti nel clima di Modena, fino anche a provocare la rottura dei rami.

Oltre alle specie già citate, esistono varietà a sviluppo più contenuto come l’Abelia “Edward Goucher” dai delicati fiori rosa

abelia e goucher

o la “Panache Mingold” dal bel fogliame bordato in crema o ancora A. “Gold Spot” dai fiori rosa chiaro e fogliame variegato in giallo vivace.

ABELIA kaleidoscope

Nelle Abelia la fioritura ha sempre toni molto delicati: bianco puro, bianco-rosato o rosa.

Le Abelia sono utilizzabili come macchia per ravvivare angoli in ombra o mezz’ombra, richiedono una buona disponibilità di acqua durante l’estate: se patiscono sete possono defogliarsi; queste piante reggono molto bene anche diverse ore di sole pieno, ma la parte di fogliame più esposta potrebbe arrossarsi e perfino danneggiarsi, in compenso la fioritura sarà più abbondante che in situazioni di ombra completa.

In genere le Abelia non hanno problemi ad adattarsi ai nostri terreni ma è meglio evitare posizioni in cui potrebbero verificarsi ristagni d’acqua e venti particolarmente freddi nell’inverno.

Le Abelia sono anche ottime piante da vasi, magari scegliendo quelle a sviluppo più contenuto, purchè di dimensioni appropriate ed essendo dei semi sempreverdi vi daranno un tocco di colore anche durante la stagione fredda.

a. chinensis variegata

Le Abelia sono in genere piante molto sane sia nei confronti delle malattie fungine che dei parassiti animali, se notate soprattutto a primavera dei germogli particolarmente gialli non si tratta di una malattia ma, escludendo i ristagni d’acqua, di fame: somministrate del fertilizzante completo di microelementi con cadenza regolare e vedrete che il problema scomparirà senza altri interventi più o meno costosi.