Siete qui: Home Geranium: descrizione e cure per mantenerli in giardino

Geranium: descrizione e cure per mantenerli in giardino

 

geranium

I gerani perenni sono parenti solo alla lontana dei pelargoni dei nostri balconi, la famiglia dei geranium li riunisce tutti.
Parlando dei geranium come erbacee perenni possiamo dire che si tratta di piante spontanee di boschi e prati del nostro paese. Sono, in genere, piantine di piccolo-medie dimensioni, cespitose, erette, con foglie molto lobate che ne fanno un piccolo elemento decorativo molto aggraziato anche in quei periodi in cui il fiore è assente.
I fiori sono semplici, appiattiti, rotondeggianti a 5 petali con fioritura tardiva (maggio-giugno in pianura, piena estate in montagna) non molto prolungata, ma vivace in vari toni del rosa fino al violetto.
I geranium amano terreni drenati e posizioni mediamente soleggiate (al sole spesso le foglie prendono una colorazione rossa anche vivace), tra le specie più utilizzate nei giardini ricordiamo G. sanguineum che forma densi cuscini di vegetazione alti tra i 20 ed i 30 cm e larghi fino a 40 cm, ha foglioline finemente frastagliate che danno un’impressione di leggerezza e fiori piuttosto grandi per la famiglia dei geranium perchè raggiungono anche i 2,5 cm di diametro.

geranium

geranium


Il colore dei fiori di questa specie è un lilla-rosa che spicca molto bene sulla vegetazione, la parola “sanguineum” del suo nome non è riferita  tanto a caratteristiche della fioritura quanto al colore rosso acceso che le foglie prendono se esposte al sole ed in fine stagione.
Il fogliame di G. sanguineum è persistente per buona parte dell’inverno e comunque il cespo centrale inizia a produrre nuove foglie appena la primavera comincia ad addolcire il clima, a questi primi segnali è possibile andare ad asportare la parte più rovinata delle vecchie foglie per dare spazio alle nuove.
Il portamento compatto di questa specie lo rende prezioso sia come macchia in bordure miste che in giardini rocciosi.
Una curiosità: il nome “geranium” viene dal greco “geranion” che significa “gru”: infatti la capsula che porta i semi del geranio a fioritura finita ricorda il becco del grande trampoliere.