Siete qui: Home Glicine

Glicine

pergolato di glicine

Il glicine nelle sue diverse accezioni di colore è uno dei rampicanti più belli ed “esplosivi” che il nostro clima permette di avere in giardino.

Quando è in piena fioritura è uno degli spettacoli più scenografici che la nostra primavera può regalare: una vera e propria cascata di colore, una di quelle cose che ti fa venire voglia di saper dipingere o fotografare per fermare la magnificenza del momento.

Se non si è capito è una delle mie piante preferite, ma ci sono dei “però” che spingono a valutare attentamente se inserire o meno un glicine in giardino, vediamo insieme le caratteristiche di questa pianta.

Ovviamente si tratta di un rampicante a fogliame non persistente, molto vigoroso che fiorisce almeno due volte l’anno, la prima, in aprile, è sempre la fioritura più bella perchè quella più abbondante, con fiori più grossi e soprattutto non è nascosta dal fogliame che comincia a comparire proprio durante la fioritura. Le successive sono sempre di minore incisività appunto perchè nascoste dal fogliame ma anche per la minore abbondanza sia di grappoli che di fiori per grappolo.

galleria di glicine

E’ considerato una pianta killer perchè avvolgendosi attorno a piante vive, fossero pure alberi già adulti, porta a soffocarle, ad impedirne lo sviluppo deformandole e stritolandole.

E’ quindi importante, quando si vuole inserire un glicine in giardino, averne ben presente lo sviluppo importante, la necessità di avere a disposizione un sostegno che possa essere stritolato e deformato (anche cancellate, ringhiere e supporti in ferro possono essere piegati negli anni dal glicine) e la consapevolezza che durante l’inverno ha un aspetto piuttosto scheletrico.

Esistono molte varietà diverse, caratterizzate sia dal colore dei fiori, che può essere lilla, rosa o bianco sia per la lunghezza delle infiorescenze a grappolo che può andare dai 30/35 fino oltre ai  90 cm. In genere le infiorescenze più compatte sono anche le più dense (a volte si ha l’impressione che siano quasi grappoli d’uva) mentre le più lunghe sono anche più lasse.

glicine rosa

glicine bianco

Coltivazione

E’ perfettamente adattato ai nostri climi e terreni quindi non necessita di cure particolari, ama posizioni soleggiate e preferisce terreni profondi senza ristagno d’acqua.

Raccomando potature piuttosto drastiche che servono ad indurre, in genere, fioriture più abbondanti.

Per potatura intendo l’eliminazione della maggior parte dei rametti più sottili che partono dai cordoni principali. I rametti che vengono risparmiati dall’eliminazione devono comunque essere accorciati più o meno alla terza gemma dalla base.

Sconsiglio l’utilizzo del glicine in vasi o fioriere proprio per il suo grande vigore: in poco tempo porterebbe il vaso a rottura o comunque avreste piante dal fogliame ingiallito e spesso stentato per mancanza di nutrienti e di spazio.

Se proprio desiderate un glicine in giardino ma non sapete dove farlo arrampicare perchè non faccia danni, esiste una bella soluzione anche molto decorativa: allevarlo come se fosse un alberello.

Ovviamente esistono in commercio alberelli di glicine già impostati che potrete farvi portare a casa con una spesa relativamente contenuta, una volta piantati invece di lasciare che la vegetazione si allunghi a suo piacimento dovrete lavorare di forbici e potare spesso i rami che tendono ad andare a cercare nuovi appigli.

glicine alberello

Mantenendo ordinata la chioma ad ogni primavera avrete un “ombrellone” fiorito che vi farà fare un figurone!

Salva

Salva