Siete qui: Home Scheda tecnica di coltivazione: Coleus

Scheda tecnica di coltivazione: Coleus

coleus

COLEUS

Note Generalinote generali

I coleus sono piante della famiglia delle Labiate, cioè delle salvie e delle lavande e, come loro, anche i coleus fioriscono con una piccola spiga di fiorellini blu portata all’apice di ogni ramo, ma non è per la fioritura che questa pianta viene coltivata, infatti la sua bellezza risiede nel fogliame i cui particolari colori spaziano tra il porpora, il giallo, il violetto ed il verde in tante combinazioni diverse.
Diventando alti anche 70-80 cm sono in grado di formare dei bellissimi sfondi per altri fiori da tenere in primo piano, oppure costituire delle notevoli macchie di colore a sé stante.

Coltivazione e Curacoltivazione

I coleus si adattano a crescere sia in terreni sciolti che in terreni più argillosi purché privi di ristagni d’acqua.
Piantateli con del buon terriccio universale in modo da “invitare” le radici ad uscire dalla zolletta e abbiate cura di distanziare le piantine tra loro di modo ché, anche aumentando di dimensioni, ognuna abbia il suo spazio.
La concimazione durante la stagione dovrà essere almeno quindicinale.
A volte, soprattutto se piantati troppo vicini tra loro, i coleus tendono a lavorare molto in altezza e ramificare poco, per evitare ciò, oltre ad una buona spaziatura iniziale, può essere necessario spuntare, di quando in quando, i rami più alti per indurre la ramificazione laterale.

Innaffiaturainnaffiatura

I coleus amano terriccio umido ma senza ristagni d’acqua, se piantati a terra il modo migliore per innaffiarli è quello di utilizzare un’ala gocciolante, in questo modo si evita anche di bagnare eccessivamente il fogliame.
Se avete posizionato i vostri coleus in vaso, abbiate cura che il terriccio sia tendenzialmente asciutto prima di procedere a somministrare una nuova innaffiatura, se possibile eliminate i sottovasi, se non è possibile evitate che rimangano pieni a lungo, oppure ponete degli spessori all’interno degli stessi sottovasi in modo che i vasi non restino “a bagno” anche quando i piattini sono pieni.

Esposizioneesposizione

I coleus vegetano benissimo in situazioni molto luminose ma possibilmente senza troppe ore di sole diretto.
Se piantati a terra ed opportunamente bagnati, possono sopportare bene il sole della mattina ma sicuramente il sole estivo delle ore più calde provocherà dei danni sulle foglie più esposte.
Se i vostri coleus sono posti in vaso, invece, sarà consigliabile posizionarli decisamente a mezz’ombra se non addirittura in ombra piena, in questo modo eviterete sia i danni alle foglie che quelli, ben più gravi, alle radici dovuti a surriscaldamento delle pareti del vaso.

Parassiti e Malattiecura

I coleus non sono piante impegnative da questo punto di vista: se piantati ed innaffiati correttamente, cioè senza possibili eccessi di umidità, non vi sono malattie fungine apprezzabili a meno che non vi sia una stagione climaticamente molto sfavorevole, in questo caso irrorateli con un buon fungicida ad ampio spettro per prevenire possibili attacchi.
I parassiti animali sono piuttosto rari ed in genere si tratta di afidi che sono facilmente debellabili con un buon insetticida.
Più rari ma anche più infidi perché quasi invisibili, sono invece i ragnetti rossi che, proliferando sulla pagina inferiore delle foglie, si alimentano della linfa della pianta e provocano a ogni puntura una decolorazione delle foglie che quindi assumono un aspetto grigio e stanco.
Per combatterli è necessario utilizzare degli specifici acaricidi.
Ancora più raramente i coleus potrebbero essere attaccati da cocciniglie che si presentano come piccoli “pelucchi” bianchi sulla pagina inferiore delle foglie e sugli steli.
Purtroppo sono insetti che devono essere combattuti con prodotti specifici e non possono essere trascurati in quanto, essendo molto proliferi, possono aumentare in fretta di numero e portare addirittura a morte la pianta che li ospita oltre a contagiare tutte qualle che le stanno attorno.

Curiositàgreen

Tra le varie specie di Coleus viene annoverato il C. forskohlii da cui si estrae una sostanza utilizzata nella medicina ayurvedica per la cura di crampi muscolari, asma, depressione e allergie, inoltre questa sostanza favorisce la perdita di peso corporeo in quanto stimolerebbe nelle cellule la produzione di enzimi che servono a metabolizzare i lipidi.
Mentre in italiano il coleus ha mantenuto il nome latino, in inglese il nome comune di questa pianta è “rainbow” cioè arcobaleno.